Home » Imprese & Mercati » Legno » Anche le botti hanno una seconda vita…

Anche le botti hanno una seconda vita…

0
0

0
0
0

Mattia Talarico, giovane designer venticinquenne di San Giovanni in Persiceto (BO), che ha vinto il primo premio all’edizione 2016-2017 del concorso internazionale di design Legno d’Ingegno, promosso da Rilegno.

Gemini ha vinto il concorso di RilegnoLa sua soluzione è stata Gemini, una ‘libreria’ a giorno costruita con incroci di centine recuperate dalle botti di affinamento del vino: di legno la vite, di legno la botte, di legno il mobile che sostiene sdraiate o in piedi le opere della vigna e dell’uomo. Talarico ha vinto il primo premio di 10mila euro, il riconoscimento della Giuria ‘Green’ e uno stage presso l’azienda Riva 1920. Al secondo posto la proposta ideata da Alberto Maria Spingor, giovane architetto di Torino: lo Smart Pod è un elemento, realizzato con materiale ligneo di scarto, da porre all’ingresso della casa in cui raccogliere smartphone e tablet quando si entra in uno spazio di convivialità in cui sarebbero di disturbo notifiche e avvisi e che allo stesso tempo li ricarica grazie a un alimentatore a induzione universale. Sul podio al terzo posto a pari merito la lampada-proiettore in sughero e legno WU-DI, presentata da Luca Gennari, studente ventiduenne di Brescia, e Henry una sobria parete attrezzata in legno a vista dalla quale si ricavano facilmente due comodi posti per conversare, bere o mangiare insieme, pensata da Luca Zenorini di Laives (BZ), anche lui studente di 24 anni. Per vedere gli altri progetti: Legno d’Ingegno.

Salva

Salva

Salva

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Tags

Articoli simili

Login

Lost your password?
ISCRIVI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!
Sarai sempre aggiornato sulle novità e gli eventi di Packaging Observer