Home » Ambiente » Da Tesco, misure anti-waste food

Da Tesco, misure anti-waste food

0
0

0
0
0

Tesco-food-wasteLo spreco di cibo è un problema etico, ambientale ed economico, che anche la grande distribuzione può contribuire a ridurre, magari seguendo l’esempio di Tesco. Il retailer britannico ha reso pubblico il rapporto sullo spreco nella propria filiera: 28.500 tonnellate nei primi 6 mesi dell’anno. A guidare la classifica del waste food ci sono le insalate in busta: il 68% di quelle messe in vendita e il 35% di quelle del frigo di casa finiscono nella spazzatura. Seguono le mele: ne viene sprecato il 40%, di cui un quarto a livello domestico. Un grappolo d’uva su quattro viene buttato, la maggior parte dall’acquirente. Tra le banane, una su cinque viene gettata, la metà lungo la filiera. Ma lo spreco non riguarda solo l’ortofrutta: la metà dei prodotti da forno finisce nel calderone del waste food. Tesco non si limita a dare i numeri, ma sta adottando contromisure concrete: evitare le promozioni multipack sulle buste grandi di insalata, migliorare le condizioni di trasporto delle banane, selezionare varietà più resistenti, accorciare i tempi tra raccolto ed esposizione, riorganizzare i reparti e dare suggerimenti ai clienti su come conservare i prodotti a casa e riutilizzare gli avanzi.

tesco

Autore: Luca Maria De Nardo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Tags

Articoli simili

Login

Lost your password?
ISCRIVI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!
Sarai sempre aggiornato sulle novità e gli eventi di Packaging Observer