Home » Imprese & Mercati » Plastica » Film ad alta barriera in crescita

Film ad alta barriera in crescita

1
0

0
0
0

Le prospettive per i film ad alta barriera sono buone, migliori rispetto a quelle del packaging alimentare nel suo complesso e del PIL. Uno studio AMI Consulting su questi imballi stima che la domanda globale di film per il food packaging abbia raggiunto nel 2015 quasi 17 milioni di tonnellate nel 2015, di cui 1,4 milioni di tonnellate sono rappresentate da film ad alta barriera. Questa categoria, che costituisce in volume solo l’8% del totale mercato, in termini di valore ha un peso notevolmente superiore.
La relazione fornisce una previsione dell’evoluzione del comparto da qui al 2020 e si riferisce a film flessibili di meno di 50 micron con barriera, con velocità di trasmissione dell’ossigeno (OTR) inferiore a 10 cc/m2 ogni 24 ore. Lo studio esamina la struttura del settore e la posizione dei principali operatori all’interno della catena di approvvigionamento sia a livello globale, che regione per regione.
I dati sono disaggregati per tipologia di substrato (BOPET, BOPP, PE, poliammide…) e metodo di produzione (metallizzazione, rivestimento, coestrusione…) e l’analisi fornisce i trend e la domanda di film ad alta barriera per segmenti di utilizzo finale. A livello mondiale, il confezionamento di carne e pesce assorbe il 32% della domanda, seguito da quello dei prodotti della filiera lattiero-casearia (14%).

Autore: Elena Consonni

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Tags

Articoli simili

Login

Lost your password?
ISCRIVI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!
Sarai sempre aggiornato sulle novità e gli eventi di Packaging Observer