Home » Imprese & Mercati » Il farmaco che verrà

Il farmaco che verrà

1
0

0
0
0

cover compack 8Si dice che il mercato della salute non sia mai in crisi, è davvero così o solo un modo di dire? Sembrerebbe vero, secondo le previsioni contenute nel rapporto ‘The Global use of Medicine: Outlook throught 2016’, redatto da . La spesa farmaceutica annuale mondiale è destinata a crescere passando da 956 miliardi di dollari del 2011 a quasi 1.200 miliardi nel 2016. Il tasso di incremento annuale atteso è di 70 miliardi di dollari. La crescita non sarà uniforme: il maggior contributo arriverà dalle economie emergenti, mentre l’evoluzione dei mercati sviluppati procederà a ritmo più lento: qui, i fenomeni che maggiormente influenzeranno l’evoluzione del settore saranno il contenimento della spesa pubblica e la scadenza di numerosi brevetti; invece, nei paesi in via di sviluppo sarà l’aumento della popolazione e del benessere economico a far crescere i consumi. Secondo il rapporto, le economie emergenti raddoppieranno la spesa nel quinquennio 2011-2016: la previsione di crescita annuale va dai 24 miliardi del 2012 ai 35-45 attesi nel 2016; complessivamente si arriverà a 150-165 miliardi di dollari. Nei mercati sviluppati la spesa crescerà, sempre fra 2012 e 2016, tra 3 e 18-20 miliardi l’anno. E in Europa, cosa succederà? Nel nostro continente, soprattutto a causa delle misure di contenimento della spesa sanitaria pubblica, si attende un’evoluzione compresa tra il -1% e il 2%. Tra gli stati, gli Usa, com’era facile immaginare, guidano saldamente la classifica della spesa farmaceutica: così era nel 2006, nel 2011 e sarà anche nel 2016. Qualche variazione si prevede al secondo posto, dove ci si attende che il Giappone verrà surclassato nel 2016 dalla Cina. Nei top ten c’è anche il Brasile, al 10° posto nel 2006, al 6° nel 2011 e, prevedibilmente, al 4° nel 2016. Quanto all’Italia, nel 2006 era al 6° posto; nel 2011 è stata raggiunta dal Brasile e nel 2016 passerà all’ottavo. Non è l’unico paese europeo a perdere posizioni: la Francia, terza nel 2006, dovrebbe essere al 6° posto nel 2016; la Spagna e il Regno Unito potrebbero uscire dai top 10 nel 2016. La Germania limita la decrescita, scivolando solo dalla 4° alla 5° posizione. Leggi l’articolo completo apparso su COM.PACK n. 8-2013.

L’ evoluzione della spesa per tipologia di farmaco

 

2011

2016

 

Brevettati

Generici

Altri*

Brevettati

Generici

Altri*

Paesi sviluppati

73%

14%

13%

69%

18%

13%

Paesi emergenti

30%

57%

13%

24%

65%

11%

Resto del mondo

58%

33%

9%

51%

40%

9%

Totale

63%

25%

12%

53%

35%

12%

* OTC e diagnostici non terapeutici

 

 

Autore: Luca Maria De Nardo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Tags

Articoli simili

Login

Lost your password?
ISCRIVI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!
Sarai sempre aggiornato sulle novità e gli eventi di Packaging Observer