Home » Imprese & Mercati » Automazione » L’attuatore più efficiente?

L’attuatore più efficiente?

0
0

0
0
0

Festo attuatori pneumatici 3La domanda se un attuatore pneumatico garantisca un’efficienza energetica maggiore rispetto ad un attuatore elettrico o viceversa, non può avere una risposta univoca: la verità su quale, sta come sempre nel mezzo. I fattori determinanti sono il tipo di applicazione industriale e il confronto diretto tra due attuatori di pari dimensioni. In generale, nelle applicazioni di movimento semplici l’attuatore elettrico risulta più conveniente. Nelle operazioni di pressatura sono l’intensità della forza di processo e la durata dell’operazione a determinare la tecnologia più efficiente. Se è richiesta una forza di bloccaggio, la pneumatica passa decisamente in vantaggio. Laddove è richiesto un posizionamento libero e preciso, sono più indicati gli attuatori elettrici.

Movimentazione o bloccaggio? Queste due operazioni comportano costi energetici molto differenti. Nella funzione di movimentazione senza ulteriore forza, un attuatore elettrico consuma solo un terzo di energia (25 Ws) rispetto a quanto consumerebbe un attuatore pneumatico (78 Ws). Per le operazioni di pressatura, i due attuatori praticamente si equivalgono, con un consumo di energia compreso tra i 20 e i 30 Ws. Quando invece gli attuatori devono tenere una determinata posizione, il consumo degli attuatori elettrici schizza a 247 Ws, un valore oltre 22 volte superiore a quello di un attuatore pneumatico (11 Ws). L’attuatore pneumatico infatti ha bisogno di energia solo per il breve periodo di formazione della pressione. La funzione di bloccaggio in sé non richiede ulteriore pressione e quindi non comporta costi di energia. L’attuatore elettrico invece richiede la presenza continuativa della corrente, per poter tenere una determinata posizione. Quanto più a lungo dura l’operazione di bloccaggio, tanto maggiore è il consumo di energia dell’attuatore elettrico rispetto a quello pneumatico. Dalle prove effettuate è risultato che un minore trafilamento non influisce in alcun modo sui consumi.

 

Autore: Luca Maria De Nardo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Tags

Articoli simili

Login

Lost your password?
ISCRIVI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!
Sarai sempre aggiornato sulle novità e gli eventi di Packaging Observer