Home » Imprese & Mercati » Beverage » Conservanti, no. Vitamine, si.

Conservanti, no. Vitamine, si.

0
0

0
0
0

Per garantire una vita a scaffale fino a qualche mese senza conservanti, la pastorizzazione è uno dei metodi più utilizzati per il trattamento dei succhi di frutti. Ma le vitamine? E’ opinione diffusa che il trattamento termico dei succhi ne riduca il contenuto. Invece la vitamina C del succo d’arancia rimane ad alti livelli anche dopo la pastorizzazione: lo rivela uno studio di Tetra Pak pubblicato nell’ultima edizione dell’Orange Handbook.

Orange Book image 4Si tratta di un volume esclusivo, che prende in analisi l’intera filiera produttiva del succo d’arancia, dal controllo qualità della frutta alle percezioni che i consumatori, delle varie nazioni del mondo, hanno dei prodotti e delle tecnologie. La maggior parte della distribuzione geografica della produzione (circa l’80%) non è in Europa, ma in America: il Brasile da solo produce il 56% a volume di succo d’arancia, seguito dagli Stati Uniti al 24%. Fino ad un paio di anni fa l’Italia produceva poco meno di 3 milioni di tonnellate di arance (non di succo!) e ne processava appena 500.000. Per saperne di piú, The Organge book è scaricabile gratuitamente qui: http://orangebook.tetrapak.com

Autore: Elsa Riva

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Tags

Articoli simili

Login

Lost your password?
ISCRIVI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!
Sarai sempre aggiornato sulle novità e gli eventi di Packaging Observer