L’effetto TOMRA a Maiorca | Packaging Observer - Packaging News
Home » Ambiente » L’effetto TOMRA a Maiorca

L’effetto TOMRA a Maiorca

1
0

0
0
0

L’acquisto di quattro macchine Autosort di TOMRA da parte di TIRME, il Parco delle Tecnologie Ambientali di Maiorca, ha permesso un radicale miglioramento nella gestione dei rifiuti dell’isola generati nel periodo della stagione turistica.

image013

TIRME collabora da tempo con l’azienda norvegese: da circa 14 anni lavora con due Monosort ed una Polysort precedentemente acquistate; queste però sono ora state riconfigurate e destinate a picchi di lavoro stagionale ed alla raccolta del PET, per lasciare spazio alle quattro nuove Autosort. Una di queste, da 1000 mm, si occupa della selezione del polietilene ad alta densità (HDPE), mentre le altre tre da 600 mm smistano rifiuti misti, mattoni e gli ultimi materiali riciclabili; dopo questa fase, la sola necessità rimanente è smistare le lattine di alluminio.

Il progresso tra le due generazioni di tecnologie TOMRA è evidente. TIRME è ora in grado di gestire con più facilità il flusso dei rifiuti prodotti nella stagione turistica, non solo a livello quantitativo, ma anche qualitativo, dato l’alto livello selettivo dei diversi rifiuti. Luis Sánchez Vela, Il direttore di Stadler Spagna, specialista nella pianificazione e nell’assemblaggio di sistemi e componenti per la selezione che ha seguito l’aggiornamento delle macchine di TIRME, afferma: “Inserendo le macchine Autosort nel processo produttivo è stato possibile migliorare sia le prestazioni, sia la qualità del materiale selezionato. Questo sta aumentando l’efficienza e genera maggiori vantaggi economici per l’impianto stesso.”

image008
image011

Simón Gili, del team di Ingegneria e Sviluppo di TIRME, commenta invece il ruolo della flessibilità delle nuove macchine TOMRA: “I rifiuti in ingresso cambiano in base alla stagione a seconda del tipo di turisti che vengono a Maiorca. Sia gli imballaggi sia la tecnologia sono molto cambiati da quando ci affidavamo alle Monosort e Polysort. Le nuove macchine sono molto più versatili rispetto alle precedenti, che potevano classificare solo un singolo tipo di materiale predefinito da fabbrica.”

“Adesso siamo in grado di cambiare la configurazione della macchina in base alle necessità del momento e dei materiali che entrano nello stabilimento. Con queste modifiche abbiamo guadagnato in efficienza e ci aspettiamo una capacità annua superiore di 20.600 tonnellate l’anno. Senza dubbio, la flessibilità della tecnologia di TOMRA Sorting Recycling è un importante valore aggiunto.”

image012
Autore: Giorgio Sala

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Tags

Articoli simili

Login

Lost your password?