Home » Imprese & Mercati » Pharma & Cosmetics » Obiettivo: scarto zero

Obiettivo: scarto zero

0
0

0
0
0

Steriline guarda all’automatizzazione dell’industria farmaceutica potenziando le proprie soluzioni robotizzate per l’imballaggio primario di farmaci iniettabili in termini di qualità, efficienza e standard di sicurezza.

L’automatizzazione parte dal sistema di trasporto dei flaconi, con una presa uniformata del collo del flacone per cui in caso di cambio formato si interviene esclusivamente sul pannello operatore con conseguente riduzione dei tempi morti. Il processo è poi facilitato dagli isolatori per produzione sterile, che mantengono l’interno in continuo e costante isolamento dall’esterno.

L’inserimento del robot consente di recuperare lo scarto e correggere le imperfezioni del packaging: in caso di sotto peso si provvede al riempimento mentre in mancanza di tappo o ghiera si provvede al suo inserimento. In caso di ripetizione dello scarto, significa che è dovuto a difettosità del materiale interno (per esempio il tappo) e quindi lo scarto diventa definitivo.

Cosa occorre? Tre robot per riempimento, tappatura e ghieratura, costi che vengono ammortizzati grazie allo scarto zero, obiettivo principale dei prodotti farmaceutici costosi.

Le ultime innovazioni firmate Steriline consistono in uno sterilizzatore robotico a luce pulsata per siringhe, flaconi e carpulle e una macchina robotizzata di decontaminazione per pulire la superficie esterna di fiale e flaconi.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Tags

Articoli simili

Login

Lost your password?
ISCRIVI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!
Sarai sempre aggiornato sulle novità e gli eventi di Packaging Observer