Home » Ambiente » Energia » Oltre 60 impianti usano la purificazione

Oltre 60 impianti usano la purificazione

0
0

0
0
0

Schmack Carbotech BiogasLa tedesca Schmack Carbotech del gruppo Viessman è azienda di riferimento in Europa e nel mondo per gli impianti e le tecnologie che permettono di purificare e rendere idoneo alla combusione il biogas prodotto dalla degradazione delle biomasse, assicurando sia la funzionalità degli impianti di conversione in energia, sia l’efficienza, sia l’assenza di emissioni inquinanti. Il trattamento e la pulizia dei biogas su basano su un impianto particolare: è il PSA (pressure swing adsorption) caratterizzato da semplicità e ridotto autoconsumo energetico: il biogas viene pressurizzato, desolforato attraverso dei carboni attivi e moderatamente refrigerato per eliminare il vapore acqueo. Così trattato, il gas passa per adsorbitori a setaccio di carbone, in grado di trattenere come una spugna i gas indesiderati, restituendo biometano. I vantaggi rispetto ad altri sistemi sono: nessuna acqua di processo da dover gestire, niente acque reflue, nessun agente chimico. In alternativa, soprattutto per le piccole taglie, sono disponibili anche impianti di purificazione a membrane. I sistemi Carbotech possono essere utilizzati in combinazione sia con gli impianti biogas realizzati da Schmack Biogas e Bioferm, aziende del gruppo Viessmann, che con quelli realizzati con altre tecnologie. Gli impianti Carbotech vengono commercializzati in Italia dalla Schmack Biogas, con sede a Bolzano.

Autore: Luca Maria De Nardo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Tags

Login

Lost your password?
ISCRIVI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!
Sarai sempre aggiornato sulle novità e gli eventi di Packaging Observer